Sentiero tra Verdeggia e Passo della Guardia

Tra segni di un passato agropastorale

Il sentiero attraversa boschi, antichi abitati e coltivazioni ormai abbandonate.

Il sentiero parte da Verdeggia, in località Gravetta. Da qui comincia a inerpicarsi incontrando la prima cappella votiva posta in posizione panoramica. Ci si inoltra nel fitto bosco superando il rio Campo Riondo, nei cui pressi si scorgono i resti di una grande roccia con la quale è stato costruito il monumento ai caduti del paese. Un susseguirsi di stretti tornanti porta fino a case Cuin (1321 m), da cui in breve si raggiungono le Case Barbun (1330 m), circondate da una vegetazione sempre più alpina. Non distante, una deviazione conduce alla fontana de Barbun, le cui fresche acque sgorgano dalla roccia. Tornando sul sentiero si supera il rio Barbone sovrastato dallenorme rocca omonima. Il sentiero si conclude in una fitta abetaia che porta al Passo della Guardia (1461 m), il cui panorama spazia su tutta la sottostante valle Argentina con gli abitati di Triora e Corte.

Case Barbone, Ca’ de Barbun in Verdeggiasco, sono una piccola borgata che si incontra sul sentiero che da Verdeggia porta al passo della Guardia. Prendono il nome dalla grande rocca che le sovrasta e dal rio che scorre poco distante. Ora completamente abbandonate, queste case erano abitate non stabilmente dalla primavera al primo autunno, periodo in cui si coltivava e raccoglieva il grano che ricopriva tutti i monti terrazzati circostanti. Legate quindi ai cicli della vita rurale di Verdeggia, ora giacciono silenti circondate da querce, noccioli ed abeti che le custodiscono tra le Alpi Liguri

  • Da Verdeggia a Passo della Guardia
  • Da Verdeggia a Passo della Guardia
  • Da Verdeggia a Passo della Guardia
  • Da Verdeggia a Passo della Guardia
  • Da Verdeggia a Passo della Guardia
  • Da Verdeggia a Passo della Guardia
  • Da Verdeggia a Passo della Guardia
  • Da Verdeggia a Passo della Guardia
  • Case Barbun Verdeggia
  • Case Barbun Verdeggia
  • Case Barbun Verdeggia
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Testo a cura di Nicola Ferrarese, immagini di Claudio Cecchi

Scroll to top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie necessari al funzionamento dello stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Puoi leggere la nostra informativa Privacy e Cookie qui. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi