Monte Follia

Sito archeologico di altura

Circondato da “caselle”, antiche capanne di pietra tipiche del Ponente Ligure, il Monte Follia ha un aspetto decisamente singolare: la vetta è formata da una calotta circondata da un anello pianeggiante.
Sono i resti di un castelliere, o castellaro: insediamento preistorico d’altura costituito da mura, terrazzamenti in pietra e capanne.
Il sito, occupato già dall’età del ferro, ha vissuto un successivo utilizzo in età augustea con l’aggiunta di un’officina per la lavorazione del ferro.
Al Monte Follia è dedicata una mostra permanente presso il Museo Etnografico-Archeologico Giuseppina Guasco di Pietrabruna.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Testo a cura di Nicola Ferrarese fonte “La pietra a secco” Grafiche Amadeo, immagini di Nicola Ferrarese

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie necessari al funzionamento dello stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Puoi leggere la nostra informativa Privacy e Cookie qui. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi