Fornace da Calce di Costa dei Tre Cammini

In Provincia di Imperia sono numerose le tracce del ricco passato produttivo legato alla fabbricazione della calce, materiale legante per la realizzazione di malte, utilizzato in edilizia in modo quasi esclusivo fino all’introduzione, nella seconda metà dell’Ottocento, del cemento Portland.

Mentre la produzione di calce a livello industriale si attua in siti posti prossimità di comode vie di comunicazione, la produzione artigianale effettuata nella piccola fornace da calce posta in zona “Costa tre Camini” è probabilmente per il quasi esclusivo uso locale, essendo posta solo in prossimità di un sentiero.

Approfondimento: come si ottiene la calce?

Nei dintorni, in cui sorge la fornace, sono presenti boschi e affioramenti di pietre calcaree, elementi necessari per ottenere il prodotto finito: la legna da ardere per realizzare un fuoco tanto vivace da innalzare le temperature attorno agli 800 C°, ed i massi per apportare materiale ricco di carbonati di calcio. Con tale intenso calore i corbonati venivano trasformati in ossidi di calcio (calce viva) dalla quale per “spegnimento” (aggiunta di acqua) si otteneva la calce (spenta).

Fonti: www.forumcalce.it

Testo a cura di Corrado Agnese, immagini di Nicola Ferrarese, Corrado Agnese