Il mistero delle pietre sul Monte Lago

Un sito ancora da studiare
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Accanto alla strada carrabile che porta sul Pizzo d’Evigno, in corrispondenza del Monte Lago, si trova una striscia di scaglie di pietra lunga circa 100 metri e larga da 3 a 7 metri. Una serie di avvallamenti a forma di imbuto e pietre intagliate disposte a formare piccoli muretti, ne confermano l’origine antropica.
La “struttura” corre lungo un affioramento di solida roccia che si intravede al di sotto delle scaglie e più a valle si scorgono i resti dell’antica mulattiera che conduceva sul Pizzo d’Evigno.
L’area è conosciuta agli abitanti locali come “trincee napoleoniche”, attribuzione tramandata oralmente e senza fonti accertate.
La squadra di Wepesto insieme alla dott.ssa Daniela Gandolfi, ipotizza che ciò possa essere il risultato di un’antica e continuativa estrazione di roccia.
La teoria sembra comunque poco fondata data la presenza di pietre facilmente utilizzabili, sparse nell’intera zona circostante e una notevole distanza da costruzioni importanti.
Invitiamo chiunque avesse informazioni al riguardo a contattarci.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Testo a cura di Corrado Agnese, Nicola Ferrarese. Immagini di Nicola Ferrarese. Col supporto della dott.ssa Daniela Gandolfi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie necessari al funzionamento dello stesso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Puoi leggere la nostra informativa Privacy e Cookie qui. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi